Comune di Bossolasco - Piemonte - Provincia di Cuneo

mercoledì 13 dicembre 2017

Navigazione del sito

Percorso di navigazione

 Ti trovi in:  Home » Come fare per

Stampa

COME FARE PER

Pagamento e Sgravio Tarsu

Descrizione:
La tassa è dovuta per l'occupazione o la detenzione di locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, ad esclusione delle aree scoperte pertinenziali o accessorie di civili abitazioni diverse dalle aree a verde, esistenti nelle zone del territorio comunale in cui il servizio è istituito ed attivato o comunque reso in maniera continuativa.
Non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati o perché risultino in obiettive condizioni di non utilizzabilità nel corso dell'anno, qualora tali circostanze siano indicate nella denuncia originaria o di variazione e debitamente riscontrate in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione.

Come Fare:
CHI DEVE PAGARLA:

La tassa è dovuta da coloro che occupano o detengono i locali o le aree scoperte con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse. Sono escluse dalla tassazione le aree comuni del condominio.
Nel caso di locali in multiproprietà e di centri commerciali integrati il soggetto che gestisce i servizi comuni è responsabile del versamento della tassa dovuta per i locali ed aree scoperte di uso comune e per i locali ed aree scoperte in uso esclusivo ai singoli occupanti o detentori, fermi restando nei confronti di questi ultimi gli altri obblighi o diritti derivanti dal rapporto tributario riguardante i locali e le aree in uso esclusivo.
Le aliquote e le riduzioni/esenzioni sono deliberate annualmente dalla Giunta Comunale.

COME SI CALCOLA

Il calcolo della tarsu viene effettuato in modo diverso a seconda della tipologia di utenza: utenza domenstica, utenza non domestica.

UTENZE DOMESTICHE:

Per le utenze domestiche la tassa viene calcolata sulla base dei metri quadri della superficie occupata dall'abitazione e al numero di persone che vi dimorano: i metri quadri vengono moltiplicati per la tariffa al metro quadro relativa al numero di persone indicate.
Il risultato di questa operazione verrà poi maggiorato del 10% di IVA e di un'altra percentuale per il tributo provinciale.
Restano applicabili eventuali riduzioni o agevolazioni decretate dal comune.

UTENZE NON DOMESTICHE:

Per le utenze non domestiche la tassa viene calcolata sulla base dei metri quadri della superficie occupata dall'edificio e alla categoria di attività che vi si svolge: i metri quadri vengono moltiplicati per la tariffa al metro quadro relativa alla categoria di attività indicata.
Il risultato di questa operazione verrà poi maggiorato del 10% per l'IVA e di un'altra percentuale per il tributo provinciale.
Restano applicabili eventuali riduzioni o agevolazioni decretate dal comune.

LO SGRAVIO

Il contribuente può presentare istanza per ottenere lo sgravio/discarico del tributo (se non ancora pagato) o il rimborso (se già pagato), per l'intera annualità o limitatamente ad alcuni bimestri, al verificarsi di una delle seguenti circostanze:
-denuncia di cessazione in corso d'anno: dal bimestre solare successivo alla presentazione della denuncia;
-mancata denuncia nell'anno di cessazione: per le annualità successive se il contribuente dimostra di non aver continuato l'occupazione;
-duplicazione di tributo: a partire dal momento in cui la tassa è stata assolta da altro soggetto per il medesimo immobile, nel limite delle annualità non ancora prescritte;
-denuncia di variazione che comporti un minor ammontare della tassa: dal bimestre solare successivo alla presentazione della domanda per la parte di tassa non dovuta.

Informazioni specifiche:
Specifiche sulla documentazione integrativa:
Nel caso di cessazione tardiva il contribuente dovrà dimostrare di non aver continuato l'occupazione o la detenzione dei locali ed aree presentando la documentazione attestante la cessazione delle utenze (luce, acqua o gas) e la consegna dei locali al proprietario (nel caso di locazione).

Nel caso di trasferimento, qualora il contribuente non più residente o domiciliato tenga comunque a sua disposizione - ad esempio per uso saltuario - i locali già occupati, è tenuto a presentare denuncia di variazione ai fini della tassa rifiuti.

Dove Rivolgersi:
Ufficio Ragioneria (vedi dettaglio e orario di apertura)

L’Ufficio Ragioneria del Comune di Bossolasco è a disposizione per chiarimenti.

Collegamenti:
- Norme di riferimento Tarsu
Documenti allegati:
MODULO RICHIESTA SGRAVIOMODULO RICHIESTA SGRAVIO (42 KB)

ALIQUOTE TARSUALIQUOTE TARSU (6,11 KB)


Riferimenti del comune e Menu rapido


Comune di Bossolasco, Piazza Oberto, 2
12060 Bossolasco (CN) - Telefono: 0173799009 Fax: 0173793464
C.F. 00452590045 - P.Iva: 00452590045
E-mail: ufficiopubblico@comune.bossolasco.cn.it   E-mail certificata: comune.bossolasco.cn@cert.legalmail.it